Open Arms, medici dopo ispezione: condizioni estreme

“Le funzioni psichiche sono fortemente sollecitate da condizioni emozionali estreme in un clima di altissima espressione dove la percezione di ‘morte’ rispetto all’eventuale rimpatrio e la speranza di ‘vita’, anche affrontando a nuoto lo specchio di mare che li separa dall’isola di Lampedusa, non lascia piu’ possibilita’ di valutazione del rischio individuale e collettivo, ne’, da parte di terzi, la possibilita’ di arginare o contenere una ulteriore estensione di situazioni psicopatologiche di ‘dissociazione nevrotica e/o psicotica’”. Questo e’ stato scritto dai consulenti nominati dalla Procura dopo l’ispezione realizzata ieri pomeriggio sulla Open Arms. Una relazione che e’ finita nel provvedimento di sequestro, firmato dal procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio, della nave della ong spagnola. I due consulenti erano stati nominati proprio “allo scopo di verificare le condizioni fisiche e psichiche delle persone a bordo dopo che – scrive il capo dei Pm di Agrigento – nella mattinata era giunta notizia che diversi migranti si erano gettati in mare tentando disperatamente di raggiungere la riva”. (ANSA)