Open Arms, pm: nave sequestrata per ragioni di urgenza

Il sequestro preventivo della Open Arms, disposto ieri dal procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio, e’ stato fatto per “ragioni di urgenza che non consentono di attendere un provvedimento di sequestro emesso dal giudice” e questo perche’ “le persone a bordo si trovano in condizioni psicologiche assai critiche come risulta – scrive il capo dei Pm nel provvedimento – dall’ispezione eseguita a bordo della nave con i consulenti nominati, con pericolo per l’incolumita’ dei migranti, dell’equipaggio e delle forze di polizia che vigilano sulla sicurezza in mare”. Secondo la Procura di Agrigento il permanere della Open Arms alla fonda, nelle immediate vicinanze del porto di Lampedusa (Ag), “protrae gli effetti del reato e anzi puo’ cagionare un aggravamento”. Questo perche’ “il permanente status quo – scrive Patronaggio – puo’ solo aggravare gli effetti pregiudizievoli sulla salute psichica e fisica delle persone a bordo, comportando rischi per l’incolumita’ degli stessi”. Il sequestro preventivo e’ stato fatto nell’ambito del fascicolo, a carico di ignoti, per le ipotesi di reato di rifiuto e omissione di atti d’ufficio. (ANSA)