”Storie di Terre e di Mari”: Pino Cuttaia e Martina Caruso per cena-evento a Salina con i vini Milazzo

Lunedì 2 settembre la magnifica cornice del Signum, a Salina, ospiterà una cena a quattro mani firmata dagli chef Martina Caruso e Pino Cuttaia. “Storie di Terre e di Mari” è il titolo di questa cena-evento che vedrà dialogare tra loro Mar Mediterraneo e Mar Tirreno, nelle declinazioni date dalle inconfondibili interpretazioni dei due chef siciliani. Salinara, la prima, e Licatese, il secondo, Martina e Pino hanno da sempre pescato -letteralmente- a piene mani dalle rispettive coste, protagoniste indiscusse della propria cucina che, in questa data unica, verranno narrate da piatti signature quali la Bagna càuda con ricci di mare, della giovane Caruso, e dal Quadro di Alici dello chef Cuttaia, piatto icona che non ha bisogno di presentazioni. Ma la posta raddoppia con il controcanto dato dalla proposta enologica della serata: le Terre raccontate infatti saranno quelle in cui crescono i filari di due prestigiose cantine. Azienda Agricola Milazzo, in provincia di Agrigento, tra le più prestigiose cantine siciliane, prima nell’isola a cimentarsi nella produzione di metodo classico – proprio con una delle sette etichette di champenoise, il Nature, si apriranno le danze lunedì -, e la blasonata Castello di Ama, che porterà, tra gli altri, il suo Chianti Classico Gran Selezione San Lorenzo.

“Il vino è pensato per esaltare e accompagnare il cibo, a completamento dell’esperienza gastronomica” ha sottolineato Saverio Lo Leggio, titolare di Azienda Agricola Milazzo. “Selezionare le nostre etichette in modo che queste valorizzino e vengano a loro volta valorizzate da piatti quali quelli degli Chef Caruso e Cuttaia” ha commentato “costruendo allo stesso tempo un nobile dialogo con gli elegantissimi vini di Castello di Ama, ci ha dato moltissima soddisfazione”. “La volontà è quella di offrire agli ospiti del Signum un’esperienza enogastronomica indimenticabile”, ha concluso. “Siamo emozionati e molto contenti per questa cena evento” ha commentato Luca Caruso, fratello di Martina, direttore del Ristorante e dell’Hotel di famiglia e creatore di una delle più interessanti carte dei vini di tutta la Sicilia. “Il Signum è nato fin dall’inizio come un luogo votato all’eccellenza” ha sottolineato. “Poter offrire ai nostri ospiti un evento che vede non solo tre stelle Michelin riunite nella nostra cucina, ma anche due cantine che hanno fatto dell’eleganza e dell’identità le loro chiavi distintive, poter dirigere questi – è il caso di dirlo – quattro tenori, mi riempie di orgoglio”. L’appuntamento è per la serata di lunedì 02 settembre al Ristorante Signum di Salina, Isole Eolie, che con la forza di un magnete ha richiamato attorno al suo focolare tali nomi del Mondo Enogastronomico. Per info e prenotazioni:info@hotelsignum.it – tel. 090/9844222