”Wine Region of the Year”: la Sicilia tra le migliori destinazioni per i winelovers di tutto il mondo

Tasca d’Almerita, punto di riferimento della viticoltura siciliana ed italiana, con vigneti dall’Etna alle Eolie, come ”European Winery of the Year”, la Sicilia, considerata tra le migliori destinazioni per i wine & food lovers di tutto il mondo, come ”Wine Region of the Year”, Elisa Scavino, quarta generazione alla guida della griffe del Barolo Paolo Scavino, come ”Winemaker of the Year”, e Nonino, che dal Friuli ha fatto la storia recente della distilleria e della grappa italiana, come ”Spirit Brand/Distiller of the Year”: ecco tutti i candidati del Belpaese, fa sapere il sito Winenews.it, ai ”Wine Enthusiast Wine Star Awards” 2019), i premi del magazine Usa, la cui Italian Editor è Kerin O’ Keefe, che, che più di una volta ha riconosciuto il valore ed il prestigio del Belpaese enoico.

Non andò bene un anno fa, quando la Franciacorta, in lizza tra i territori del vino, perse il duello con la Champagne, sorte condivisa anche da Pietro Ratti, anima produttiva della griffe del Barolo, nella categoria ”Winemaker of the Year”, battuto da Adam Mettler, direttore enologico della californiana Michael David Winery, e da Cantina Paltrinieri, tra i protagonisti del Lambrusco di Sorbara, candidata come ”European Winery of the Year”, che non riuscì a bissare il successo del 2017 di Fontanfredda. Per scoprire i ”Best of Year”, bisognerà aspettare il gala del 27 gennaio 2020, di scena al Palace of Fine Arts di San Francisco, quando verranno svelati i vincitori dell’edizione n. 20 della Annual Wine Star Awards, incrociando le dita per i candidati del Belpaese. (AdnKronos)

Nella foto vigne Tasca d’Almerita