Operazione antidroga tra San Cataldo e Canicattì, scattano 11 misure cautelari

E’ in corso una vasta operazione antidroga dei carabinieri di Caltanissetta, di Canicattì (Agrigento) e del Nucleo Cinofili di Palermo che hanno eseguito undici misure cautelari, disposte dalla dall’autorità giudiziaria nissena, per la custodia cautelare in carcere, gli arresti domiciliari e l’obbligo di dimora presso il Comune di residenza. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e concorso in associazione a delinquere finalizzata allo spaccio.

L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Caltanissetta, è stata emessa a seguito di articolata attività d’indagine condotta dalla Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta unitamente alla Tenenza Carabinieri di San Cataldo, coordinati dalla locale Procura, che consentiva di disarticolare una consorteria criminale operante sul territorio di San Cataldo, dedicata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella circostanza, a seguito di mirate attività d’intercettazione, oltre ad accertare il vincolo associativo tra i diversi componenti del sodalizio criminale, si appuravano le responsabilità di Michele Cordaro come organizzatore e promotore dell’intera rete criminale. Il tutto reso possibile dalla condizione del vincolo associativo di tipo mafioso in cui il Cordaro risulta tutt’ora coinvolto. Le indagini, iniziate nel 2016 e durate circa un anno, sono state sviluppate attraverso una serie di attività tecniche, che hanno permesso di monitorare, anche attraverso l’uso di microcamere posizionate ad hoc dagli investigatori, numerosi episodi di spaccio, avvenuti nella maggior parte dei casi sul territorio di San Cataldo.

Nel contesto dell’esecuzione dell’ordinanza, i militari eseguivano altresì perquisizioni locali presso i luoghi di privata dimora dei soggetti interessati dalle misure cautelari emesse dall’autorità giudiziaria nissena, che consentivano di trovare, nella disponibilità di un soggetto sottoposto a misura cautelare, 260 grammi di “hashish”, oltre ad un bilancino e a materiale da taglio. Il giovane veniva quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio.