Pensioni, Giuliano Cazzola: ”Quota 100 è già un flop”

“Quota 100, almeno nelle affermazioni del ministro del Lavoro Nunzia Catalfo e dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, resterà fino a scadenza, ma la misura è già un flop”. Lo dichiara Giuliano Cazzola, economista ed esperto previdenziale. Cazzola cita, a riprova, i dati relativi allo “scarso interesse dei possibili utenti di Quota 100, come emerge dalla flessione progressiva delle domande”. “Da gennaio 2019 ad agosto 2019 -scrive in un articolo pubblicato su Firstonline- la media giornaliera delle domande è passata da 4.060 a 288”. “Tra i possibili motivi di questa debacle -spiega- vi è sicuramente la maggiore convenienza ad utilizzare il canale solo contributivo, anche perché, in gran parte, i pensionandi baby boomers potevano conseguire il diritto a un’età inferiore ai 62 anni canonici previsti da quota 100″. E, per quanto riguarda il futuro, Cazzola riporta i dati elaborati dalla Fondazione Di Vittorio della Cgil, secondo cui ci sarà ”un risparmio considerevole rispetto alle risorse stanziate in legge di Bilancio; nel triennio verranno risparmiati 9 miliardi e 615 milioni (2 mld 258 mln nel 2019; 3 mld 924 mln nel 2020; 3 mld e 432 mln nel 2021)”. “Tale risparmio – chiarisce – sarà dovuto a un coinvolgimento di solo il 35% della platea stimata dal precedente governo, ossia 341.266 anziché 973mila”. (Adnkronos)