Migranti, Carola Rackete: ”In Italia legge non rispetta il diritto internazionale e del mare”

“Credo che sia stato delineato che le operazioni di ricerca e soccorso rientrano nel diritto internazionale. Non so come l’Italia abbia approvato una legge che non rispetta il diritto internazionale e del mare”. Lo ha dichiarato Carola Rackete, capitana della Sea Watch 3 all’audizione della commissione per le liberta’ civili, la giustizia e gli affari interni (Libe) del Parlamento europeo. “Dopo il mio arresto, il magistrato di Agrigento ha dichiarato che io avevo seguito l’obbligo di ricerca e salvataggio e quanto fatto era in conformita’ del diritto del mare”, ha aggiunto la comandante della Sea Watch. (AGI)