Sport, i podisti cattolicesi Aquilino e Zarelli alla Maratona di Atene

Due sportivi cattolicesi parteciperanno alla 37ma Maratona di Atene che si svolgerà il 10 novembre 2019 con la distanza dei 42 km, 10 km e 5 km. Si tratta di Nino Aquilino, 62 anni, sociologo a Ribera presso il centro di salute mentale dell’Asp di Agrigento, e di Angelo Zarelli, musicista, i quali si allenano e corrono in coppia da oltre una decina di anni con i colori dell’asd “Passione Corsa” di Ribera.  I due podisti cattolicesi vantano un curriculum di partecipazione alle maratone internazionali: sono stati a Roma, Madrid, Parigi, Edimburgo, Lisbona, Malta, Berlino e Gerusalemme; dopo la maratona di Atene nel 2020 parteciperanno a quella di New York.

La Maratona di Atene è considerata “l’Autentica”, nonché la prima e vera maratona. Non è soltanto un evento sportivo ma è un ponte che unisce la leggenda e la storia della Maratona. L’origine è legata alla storia della battaglia di Maratona: secondo la tradizione, nel 490 a.C. l’esercito persiano, sbarcato sulla costa greca per una spedizione contro Atene, si attesto a Maratona. Gli Atenesi mandarono un messaggero: Filippide a chiedere aiuto a Sparta. Filippide coprì in un giorno la distanza da Atene a Sparta in un giorno e mezzo. Gli spartani erano disposti ad aiutare gli Atenesi ma non prima di 10 gg. Filippide allora tornò indietro per avvertire i Generali Ateniesi. Quando poi, con un abile manovra, riuscirono a sconfiggere i Persiani, Filippide si precisò ad Atene per annunciare la vittoria ed evitare che, temendo la sconfitta,. la città fosse briciata. Giunse ad Atene stremato, prima di morire riuscì a dire “siamo vittoriosi”.