Migranti, sindaco Lampedusa: sbarchi proseguono senza sosta ma la politica si nasconde sotto la sabbia

“Chiedo alla classe politica italiana, cosa bisogna aspettare ancora per una inversione nelle politiche sui migranti? Qualcuno pensa che nascondendo la testa sotto la sabbia, la situazione cambiera’ da sola?”. Lo dice Toto’ Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa. “Ci sono stati altri morti appena pochi giorni fa – aggiunge – ma a Lampedusa non si e’ visto nessuno, eravamo solo noi lampedusani a piangere quella gente. Adesso altri sbarchi, che in realta’ non si sono mai fermati, eppure continuiamo a non avere segnali di sostegno dalle istituzioni”. “Ho espresso la mia preoccupazione – prosegue il sindaco – per la situazione ai confini della Siria, sulla guerra della Turchia contro il popolo Curdo. Quello che qualcuno non capisce – o fa finta di non capire – e’ che i flussi migratori sono direttamente collegati a certi eventi, bisogna farsi trovare preparati, non si puo’ inseguire l’emergenza. E soprattutto continuo a ripetere che i territori di frontiera come Lampedusa non possono essere abbandonati”. “Classe politica, istituzioni, governo italiano, Europa, mi rivolgo a tutti voi – conclude Martello – fate qualcosa, e fatela adesso!”. (ANSA)