Eraclea Minoa, pubblicati i bandi di gara per i lavori anti erosione e le analisi della sabbia

“Potranno partire a breve i lavori che serviranno ad arginare l’avanzare del mare ai danni della splendida spiaggia di Eraclea Minoa, nell’Agrigentino, arretrata sensibilmente a partire dagli anni Duemila”. La gara per l’intervento – si legge in una nota di Palazzo d’Orleans – è stata pubblicata dall’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Contestualmente, la Struttura diretta da Maurizio Croce ha messo a bando anche le nuove analisi della sabbia proveniente dal dragaggio del porto di Siculiana Marina che sarà destinata al ripascimento del litorale devastato dai flutti.

«In questo modo – dichiara il governatore Musumeci – non verrà perso un solo giorno e il responso degli accertamenti di laboratorio potrà essere già disponibile nel momento in cui i lavori per proteggere la costa di Eraclea Minoa dovranno incominciare. È sempre una lotta contro il tempo e contro procedure spesso irragionevoli, ma quello che dovevamo decidere per salvare quel tratto di litorale, dopo anni di indifferenza, lo abbiamo deciso nel maggio dello scorso anno. Tutto il resto non dipende più da noi: è fatto di tappe scandite dalle leggi vigenti. Assicuro che continuerò a seguire l’iter affinché si arrivi al risultato senza tempi vuoti».

Se andrà a buon fine, la caratterizzazione dei sedimenti marini sarà trasmessa alla commissione Via/Vas dell’assessorato del Territorio e ambiente per l’immediato via libera. Va ricordato che le analisi già effettuate nel 2008 e nel 2017 avevano sancito l’assenza di tossicità e la compatibilità con le caratteristiche fisiche della sabbia del litorale di Eraclea Minoa. L’intervento che servirà a contrastare l’erosione – che nella scorsa stagione invernale ha interessato anche alcuni tratti della retrostante pineta e le attrezzature turistiche esistenti sulla spiaggia – consisterà nella realizzazione di tre pennelli costituiti da massi ciclopici. In particolare, il tratto di costa che sarà messo al riparo dalle mareggiate va da Capo Bianco verso est, per circa 2 chilometri. Il finanziamento ammonta complessivamente a quattro milioni di euro. Le domande potranno essere presentate entro il prossimo sei dicembre mentre tre giorni prima è stato fissato il termine per quelle che riguardano la gara per gli accertamenti sulla sabbia.