Prima filiera etica contro il caporalato in Sicilia, Palmeri (M5s): ”L’essere umano al centro, non il profitto”

“L’essere umano al centro, non il profitto. Oggi mi trovo a Mazzarrone, presso l’azienda agricola Novello, insieme ai rappresentanti del gruppo di Megamark, dell’ associazione Rete Perlaterra e dell’ associazione No-Cap, per inaugurare il secondo step del percorso che sta dando vita alla prima filiera etica contro il caporalato. Una filiera sostenibile e agroecologica, che ha lo scopo di far applicare prezzi giusti per i prodotti e far rispettare i diritti dei lavoratori, inclusa la corretta applicazione dei contratti collettivi di lavoro.
Il tutto è volto a ridurre il lavoro irregolare che caratterizza il settore agricolo e il fenomeno del caporalato. L’ obiettivo che si vuole perseguire, pertanto, è quello di sviluppare un modello etico, economico, energetico e sociale che consenta di fondare una nuova economia sociale di mercato basato sulla promozione dei diritti umani e sulla tutela del suolo, con un passo decisivo verso il futuro in senso innovativo, pulito e democratico”. Lo ha scritto su Facebook la deputata regionale del movimento 5 stelle Valentina Palmeri.