Assessori alla Gentilezza a Naro e a Grotte per ”promuovere valori e pratiche positive”

Nominato un nuovo assessore alla Gentilezza nell’Agrigentino. Il sindaco di Grotte Alfonso Provvidenza, aderendo alla proposta delle Associazioni Cor et Amor e Mezzopieno, ha istituito la delega alla Gentilezza che è stata già assegnata a Miriam Cipolla. “Si occuperà – spiega il primo cittadino – di buona educazione, rispetto verso il prossimo e la cosa pubblica, sensibilizzazione ai comportamenti positivi, favorire lo spirito e l’unità della comunità, iniziative di cittadinanza attiva per il bene comune”. Quello di Grotte – che ha ufficializzato anche l’adesione alla Rete Nazionale degli Assessori alla Gentilezza – è il secondo comune in provincia di Agrigento e il quarto in Sicilia a dotarsi di questa delega: già lo scorso agosto il sindaco di Naro Maria Grazia Brandara ha nominato come assessore Valentina Gueli Alletti.

L’assessore alla Gentilezza – che è una delega che si aggiunge alle altre – nasce in Italia subito dopo le elezioni amministrative del 26 maggio scorso in Piemonte per iniziativa dell’Associazione Cor et Amor che ha invitato a riconoscere la delega alla gentilezza a tutti i comuni italiani.  L’assessorato alla Gentilezza promuove valori e pratiche positive, per favorire il benessere e la crescita sociale, contribuendo a creare il futuro in cui vivranno i bambini di oggi; occupandosi inoltre della buona educazione, del rispetto verso il prossimo e la cosa pubblica, del prendersi cura di chi soffre, come i malati, le persone sole, o è in difficoltà come per esempio chi ha perso il lavoro, disabili, anziani, genitori separati con figli). L’obiettivo è quello di accrescere lo spirito di comunità, oltre che favorire l’unità, coinvolgere i propri concittadini e le associazioni in iniziative di cittadinanza attiva per il bene comune. “Possono usare l’appellativo di assessore alla Gentilezza – spiegano i promotori del progetto – i consiglieri, gli assessori ed i vicesindaci che abbiano ricevuto la delega dal proprio sindaco. Anche un sindaco o un presidente di Regione, qualora lo ritenga opportuno, può mantenere per sé la delega alla Gentilezza”.

La Rete Nazionale degli Assessori alla Gentilezza é un gruppo pensato per conoscersi e creare relazioni tra Comuni, Province e Regioni, in modo da sviluppare un senso di benessere collettivo, attraverso la gentilezza. “Tutti gli assessori alla Gentilezza in rappresentanza del proprio ente – viene spiegato sul sito web dedicato al progetto – possono scegliere di entrare nella Rete Nazionale degli Assessori alla Gentilezza e di ottenere in questo modo un riconoscimento che li identifica nella rete e gli permette di essere riconosciuti come membri della stessa, ottenendo visibilità per le proprie attività che rientrano nella logica della gentilezza e che serviranno a allargare il loro effetto e a ‘contagiare’ altre realtà”.

“Ho accolto questa nuova delega alla Gentilezza – ha detto al Giornale di Sicilia l’assessore di Grotte Miriam Cipolla – in maniera assolutamente positiva e con tanto piacere, spero di riuscire a coinvolgere la cittadinanza ma soprattutto gli anziani e i giovani. Organizzeremo nel tempo diverse iniziative, la prima, giorno 25 novembre, quella contro la violenza sulle donne. La gentilezza fa parte di ognuno di noi, ma non deve essere vista come debolezza ma come una forma di eleganza, va rilanciata e riproposta anche a forma di gioco per i bambini”.

“Questa delega – ha detto l’assessore Valentina Gueli Alletti – è da me interpretata come a un modello volto in particolare ad educare le giovani generazioni ad un corretto vivere civile e al rispetto verso il prossimo. Si tratta di un ruolo delicato, che richiede sensibilità per il benessere della propria comunità, la quale  a sua volta viene sensibilizzata a comportamenti positivi. Per fare ciò, bisogna tenere conto di punti di vista diversi dal proprio, in quanto siamo tutti simili e allo stesso tempo diversi da tutti gli altri: unici”.