Ragusa, 5 chili di marijuana, armi e munizioni in azienda agricola: due arresti

I carabinieri di Acate (Ragusa), con i colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori ‘Sicilia’, hanno arrestato in flagranza due fratelli, di 43 e 40 anni, agricoltori, pregiudicati, per i reati di detenzione abusiva di armi clandestine con relativo munizionamento, ricettazione e produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti.I carabinieri, al termine di un’indagine, hanno eseguito perquisizioni domiciliari presso le abitazioni dei due fratelli, estese successivamente anche alle loro aziende agricole. Nell’azienda agricola in Contrada Perciata di Vittoria, di proprietà del 43enne, i carabinieri hanno trovato, nascosti in un magazzino in muratura chiuso a chiave e in uso ad entrambi i fratelli un fucile automatico Beretta calibro 12, un fucile Gaucher calibro 22 e una canna di fucile, oggetto di furto denunciato il 2 novembre a Modica; una pistola Beretta calibro 7,65 con matricola abrasa, completa di caricatore e 6 cartucce; cinque chili di marijuana contenuti in dieci buste di plastica e un bilancino di precisione; 133 cartucce calibro 12 per fucile illecitamente detenute.In un’altra azienda agricola, in contrada Dirillo Reverbero di Acate, intestata al 40enne, i carabinieri hanno eseguito un’approfondita perquisizione locale all’interno di una serra e, ben occultato dietro alcune balle di fieno, è stato rinvenuto un fucile automatico Benelli calibro 12, completo di 4 cartucce dello stesso calibro, oggetto di furto denunciato il 30 ottobre scorso.Le armi con il munizionamento rivenuto – in ottimo stato di conservazione – sono state sequestrate e verranno successivamente sottoposte ad accertamenti di natura balistica per verificare se siano state utilizzate per la consumazione di altri reati. I due fratelli sono stati portati in carcere. (LaPresse)