Cattolica Eraclea, addio al pittore e poeta Pino Miceli: ”La cinniri purtatila cca”

E’ venuto a mancare ieri all’età di 74 anni, a Mede Lomellina, in provincia di Pavia, Pino Miceli, artista nato a Cattolica Eraclea il 13 dicembre 1945 che si è affermato come pittore e poeta nel Nord Italia. Pino Miceli ha conseguito il diploma magistrale ad Agrigento ed ha proseguito gli studi universitari ad Assisi. Come tanti concittadini, per motivi di lavoro si è allontanato dalla terra natia e dalla gente tanto amata.

Emigrato al Nord, a Milano, ha trovato lavoro come operaio prima e come insegnante poi. Conosciuto e stimato sia come pittore, sia come poeta. Meravigliose le sue tele e suggestive le sue poesie. Ha partecipato con successo a diverse mostre in varie città italiane. Ha al suo attivo diverse raccolte poetiche, come: Sunnu li petri e chiancinu, Sotto il cielo lombardo, Aghi di pino e petali di rosa e Fantasia sicula. Vi proponiamo di seguito due poesie di Pino Miceli: La cinniri purtatila cca’ e L’emigranti.

La cinniri purtatila cca’

Quannu lassu ‘sta vita d’affanni,

abbrusciatila chista me carni

e la cinniri purtatila cca’!

Cca’ a Eraclea Minoa

unni lu Platani si ‘ncucchia cu lu mari

sparpagliati li resti murtali

a lu ventu di Capu Biancu!

Nun vogliu né un sorrisu né un chiantu

e nun carricatimi di cruci

troppi, troppi nni suppurtavu,

quannu ancora picciutteddru era stancu

e cuntinuava a luttari!!!

Ora lassatimi sulu a jucari

cu l’aria, l’acqua e lu suli

di ‘sta millenaria maravigliusa città!

L’emigranti

Veni lu jornu e parti l’emigranti,

ridi cu l’occhi e chianci cu lu cori,

sunnu prisenti tutti li parenti:

amici ginitura e canuscenti,

pi tutti trova un’urtima parola,

di notti, che luntanu la strania!

Un urtimu abbrazzu, un salutu

anchi pi Ciccu-Peppi ‘ntisu ‘u mutu,

pi Ninu, pi Ramunnu e pi Giuvanni,

anchi pi li so vecchi catananni.

A lu patri dici: “Patri fatti curaggiu,

cumincia alluntanarisi ‘u marruggiu!

Si Diu voli e mi duna saluti

‘sta me partenza è fini di miseria,

fazzu furtuna e tornu po’ ‘mpurtanti,

carricu di ricchizza assa’ e d’onuri,

ora iu partu, tu no, nun ti scuraggiari…

cunforta a me matri ‘nti la me luntananza,

si firmà ora e nun sapi cchiù parlari

e nun c’è tempu cchiù d’arribbicari!

‘Nta ‘n’attimu li vucchi sunnu muti,

o comu su tristi l’urtimi minuti!

Talia ‘na vecchia e viu cosi strani

e ‘sta me mentin si metti a pinsari…

“Sugnu sicuru, cci pozzu giurari:

prima ca torni, figliu, to matri mori!”