Scuola, al via le iscrizioni per il nuovo anno: 1 su 2 ancora indeciso

Mancano poche ore all’apertura delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Dalle 8 di martedì 7 gennaio alle 20 di venerdì 31, sarà possibile inoltrare la domanda per gli alunni che devono frequentare le prime classi nel 2020/2021. E il tema dominante, come spesso succede, alla vigilia, è l’indecisione: quasi 1 su 2, ovvero il 44%, prima dell’inizio delle vacanze di Natale, non sapeva ancora quale indirizzo scegliere. È quanto emerso dai 3mila studenti di terza media che hanno partecipato alla tradizionale ricerca di Skuola.net, svolta in collaborazione con Radio24, dedicata proprio a questo tema.

“Una scelta – si legge – resa ancora più ardua dalla scarsa fiducia che anche i giovanissimi hanno nel ‘sistema Paese’: il 52% degli intervistati, infatti, ha paura di non trovare lavoro dopo gli studi, mentre il 63% mette seriamente in conto la possibilità di lavorare o studiare all’estero dopo il diploma”.Intanto – informa il Miur – la procedura è sempre via web tramite il portale ‘Iscrizioni online’. Per i genitori che devono ancora scegliere la scuola è a disposizione la nuova app del portale ‘Scuola in chiaro’ che permette di accedere con maggiore facilità alle principali informazioni sugli istituti.La domanda di iscrizione a scuola può essere inviata dopo aver effettuato la preventiva registrazione al portale dedicato (www.iscrizioni.istruzione.it). La procedura è disponibile già dallo scorso 27 dicembre. All’interno del portale, i genitori hanno a disposizione delle guide e dei video tutorial di supporto.

Le famiglie possono anche rivolgersi alle segreterie degli istituti scolastici. Il sistema di ‘Iscrizioni online’ – fa sapere il ministero dell’Istruzione – avvisa in tempo reale, tramite posta elettronica, dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda.Le iscrizioni – ricorda il Miur – sono obbligatorie per gli alunni delle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e di II grado. La domanda deve essere inoltrata online anche per i corsi di istruzione dei Centri di formazione professionale nelle regioni che hanno aderito alla procedura (Calabria, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto). Per le scuole dell’infanzia la procedura rimane, invece, cartacea. Resta facoltativa l’adesione al sistema di iscrizione online per gli istituti paritari.