Malaria: il male delle paludi dimenticato ma non vinto

In Italia sembra appartenere a un passato remoto, fatto di paludi, di condizioni di vita disumane, di ignoranza e superstizioni. Ma la malaria e’ un nemico ancora vivo, come dimostra il caso della giornalista morta questa notte ad Agrigento. Dati epidemiologici relativi al periodo 2011-2015, mostrano 3.633 casi di malaria notificati in Italia, di cui 89% con diagnosi confermata. La quasi totalita’ dei casi sono d’importazione (come nel caso di Agrigento), i casi autoctoni riportati sono stati appena sette. Sono lontani insomma i tempi in cui la “mal’aria”, come la chiamavano i contadini che avevano intuito da dove venisse il pericolo, senza immaginare che il nemico mortale fossero le zanzare, mieteva centinaia di migliaia di vittime anche in Italia, soprattutto nelle Paludi Pontine. Ma il pericolo, specie per i viaggiatori, non e’ passato. La malaria e’ una malattia causata da protozoi parassiti appartenenti al genere Plasmodium il cui ciclo biologico si svolge in due ospiti obbligati, un vertebrato, come ospite intermedio e una femmina di zanzara come ospite definitivo, detto anche vettore. Le specie di plasmodi responsabili della malaria umana si trasmettono in modo naturale da uomo a uomo mediante la puntura di zanzare infette appartenenti al genere Anopheles, tuttavia si puo’ verificare trasmissione anche con eventi accidentali mediante contagio ematico diretto.

Nei Paesi endemici rappresenta la malattia trasmessa da vettore piu’ diffusa al mondo, nei Paesi non endemici e’ la malattia d’importazione piu’ importante, legata principalmente ai viaggi in aree tropicali e all’aumento dei flussi migratori. Oggi risulta diffusa principalmente nei Paesi della fascia tropicale e sub tropicale. In particolare, e’ altamente endemica in Africa, dove si verificano il maggior numero di casi e di decessi. E’ invece presente con diversi gradi di endemia in Paesi del Sud-est asiatico, del Medio Oriente e dell’Asia Centrale, del Pacifico occidentale e dell’America centrale e meridionale. Complessivamente quasi meta’ della popolazione mondiale, soprattutto quella residente in Paesi poveri, vive in aree a rischio di malaria. Tuttavia, negli ultimi anni la diffusione della malaria nel mondo e’ stata notevolmente ridotta grazie all’attuazione di programmi di lotta e controllo promossi dall’Oms e da diverse associazioni internazionali. Nelle aree non endemiche a clima temperato, come l’Italia, nonostante l’elevato numero di casi importati e la presenza di vettori competenti sul territorio la possibilita’ della ricomparsa di una trasmissione locale e’ da considerarsi estremamente bassa. In tutto il mondo ci sono piu’ di 400 diverse specie di zanzare Anopheles, circa 60 sono in grado di trasmettere la malaria, ma sono solo 30 quelle che hanno la maggiore importanza come vettori di malaria.

I sintomi, a seconda della specie di plasmodio, compaiono dopo 7, 15 o piu’ giorni dalla puntura della zanzara infetta. Sono di varia natura, ma solitamente consistono in febbre, spesso molto alta, mal di testa, vomito, diarrea, sudorazioni e brividi scuotenti, tutti sintomi, almeno inizialmente, comuni a una qualsiasi sindrome influenzale o ad altre infezioni. La patogenicita’ dei plasmodi e’ legata alla loro capacita’ di invadere e distruggere i globuli rossi a cui segue la sintomatologia principale della malattia, rappresentata da accessi febbrili ricorrenti e anemia. La malaria da P. falciparum rappresenta la forma piu’ grave in termini di morbosita’ e mortalita’. Raggiunge parassitemie molto elevate e oltre a causare una forte anemia puo’ arrivare a ostruire i capillari del cervello (malaria cerebrale) o di altri organi vitali (reni, milza, fegato). Se non trattata tempestivamente puo’ evolvere in malattia grave e invalidante, e/o portare alla morte. Le forme di malaria dovute alle altre specie di plasmodio sono in genere meno gravi. In ogni caso, come si legge sulla pagina del portale Epicentro dell’Istituto Superiore di Sanita’ dedicata alla malaria, una diagnosi accurata e precoce e’ una delle chiavi per gestire in modo efficace la malattia. Attualmente, il miglior trattamento disponibile, in particolare per la malaria da P. falciparum, e’ rappresentato dalla terapia combinata a base di derivati dell’artemisinina (ACT). La chemioprofilassi e’ indicata in modo particolare per i viaggiatori diretti in aree endemiche.

Non esiste un unico schema profilattico applicabile ovunque, pertanto la profilassi idonea per chi si reca in zona di endemia, va studiata caso per caso; la scelta dei farmaci dipende principalmente dal Paese visitato, dalla tipologia di viaggio e dal tempo di permanenza. In un’area endemica, per le categorie a rischio, quali i bambini sotto i cinque anni di eta’ e le donne in gravidanza, viene raccomandato il trattamento preventivo intermittente. Dopo oltre 30 anni d’intensa ricerca, e’ stato messo a punto il primo vaccino contro la malaria, l’RTS,S/AS01, che ha mostrato una parziale protezione contro la malaria da P. falciparum nei bambini. Ad aprile 2019 e’ partito un programma di vaccinazione pilota, coordinato dall’Oms, per l’introduzione graduale del vaccino RTS,S/AS01 nel programma vaccinale di routine di 3 Paesi dell’Africa sub-sahariana: Malawi, Ghana e Kenya. Questo studio pilota, che prevede di vaccinare fino a 360.000 bambini per anno nei tre Paesi, affrontera’ diverse questioni ancora aperte, quali valutare l’efficacia del vaccino in contesti reali; comprendere il modo migliore per fornire le quattro dosi richieste; il ruolo potenziale del vaccino nel ridurre le morti infantili; la sua sicurezza nell’uso di routine. (AGI)