Coronavirus, 8 deputati Ars chiedono di dichiarare Messina “zona rossa”

Dichiarare Messina come “zona rossa” da cui sia precluso uscire e in cui sia vietato entrare “se non al personale sanitario e a tutti coloro che sono impegnati nel contrasto della diffusione del contagio”. La richiesta arriva da un gruppo di deputati regionali dell’Assemblea regionale siciliana al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Si tratta di Marianna Caronia, Giovanni Bulla e Antonio Catalfamo (Lega), Luisa Lantieri e Giuseppe Gennuso (Ora SICILIA), Carmelo Pullara e Giuseppe Compagnone (Popolari-Autonomisti) e Stefano Pellegrino (Forza Italia). Secondo i parlamentari regionali “e’ una decisione necessaria, a fronte dei focolai presenti in citta’, per garantire la tutela della cittadinanza e per evitare una pericolosa recrudescenza dell’epidemia”. Bisogna quindi agire “compiendo scelte drastiche, ma necessarie e senza esitazioni, come gia’ fatto per Agira, Salemi e Villafrati, dove risultano contagiate piu’ di 80 persone e si sono gia’ registrati numerosi decessi”. Secondo i deputati che hanno sottoscritto la richiesta “non e’ piu’ possibile indugiare e qualunque ritardo puo’ trasformarsi in danno. In un momento di grande emergenza che non e’ solo locale o nazionale e che ha raggiunto una dimensione globale, tutti devono fare la propria parte, contribuendo nel miglior modo possibile a trovare soluzioni, soprattutto in vista del picco epidemico – concludono – previsto tra fine marzo e inizio aprile”. (Com/Sac/Dire)