Coronavirus, M5s): ”Impensabile scarcerazione boss”

“La notizia della scarcerazione di alcuni boss per presunti pericoli legati alla loro salute, determinati dall’emergenza Covid, ci mette in allarme. Non esiste al mondo che si utilizzi un’emergenza mondiale per fare sconti a chi si e’ macchiato di reati di mafia, circostanza questa che ha spinto il governo a precisare, all’articolo 123 del Dl Cura Italia, che il regime della detenzione domiciliare non si applica ai detenuti condannati per i reati di cui all’art 4bis dell’Ordinamento Penitenziario, quindi reati di mafia e (dopo lo Spazzacorrotti) anche di corruzione, oltre che per altri reati gravi quali la violenza sessuale di gruppo, tratta e schiavitu’, nonche’ ai detenuti sottoposti a regime di sorveglianza particolare. Sia chiaro, quindi, che il governo NON HA MAI dato il via libera alla scarcerazione di alcun mafioso e fino a quando ci sara’ il MoVimento 5 Stelle al Governo questo mai accadra’. Tanto premesso per onore di verita’ rispetto a chi accusa il governo, e quindi la maggioranza che lo sostiene, di aver permesso cio’, come membro della commissione antimafia ritengo opportuno ribadire la richiesta del gruppo del M5S in Antimafia di convocare immediatamente la commissione per esaminare i provvedimenti dei Magistrati di Sorveglianza che hanno portato alla scarcerazione di alcuni detenuti”. Lo scrive su Facebook Maria VIttoria Baldino, membro della COmmissione Antimafia e capogruppo di M5s in Commissione Affari costituzionali della Camera.(ANSA)