Coronavirus, indice di contagio: il dato migliore in Sicilia

Due settimane. E’ il tempo impiegato per ricondurre l’epidemia sotto la soglia di una unita’. Per determinare quindi l’arresto della curva esponenziale. E’ il punto da cui ripartire per tenerla sotto controllo. Il valore da tenere d’occhio e’ l’R0, l’erre con zero, la riproduzione di base, un termine che tutti gli italiani hanno imparato a conoscere. Indica il numero medio di casi generati da un individuo infetto. Ed il dato migliore, quello piu’ basso, si registra in Sicilia, secondo quanto emerge da uno studio firmato dall’Istituto superiore di sanita’ e dalla Fondazione Bruno Kesler, alla quale l’Iss fa riferimento per i modelli matematici, e pubblicato sul Corriere della Sera. Tra il 10 marzo e il 25 marzo, nei giorni del lockdown nazionale dichiarato dal governo, l’erre con zero e’ passato da 2-3 (spaventosamente alto) a 1 in tutta Italia.

Negli ospedali del Nord ricoveri e decessi esplodevano ma esistevano i presupposti statistici per prevedere la fase calante confidando nell’efficacia delle misure di contenimento. Gia’ a febbraio e’ bastata si diffondesse la notizia del primo contagiato di Codogno per rallentare la trasmissione del virus. La paura ha agito da sola. Oggi la situazione e’ ulteriormente migliorata. Il numeretto cui anche i non addetti ai lavori guardano con apprensione come fossero i gradi segnati sul termometro si e’ stabilizzato attorno allo 0,5 di media. Nelle 15 regioni analizzate sulla base di dati di “sufficiente qualita’”, la Sicilia con lo 0,34 ha il dato migliore, mentre l’Emilia Romagna con lo 0,71 ha il dato peggiore. (ITALPRESS)