Fase 2, Conte: ”Non è liberi tutti, virus circola ancora”

“Entriamo nella ‘fase due’ dell’emergenza, grazie al poderoso sforzo collettivo. Questa nuova fase ci e’ costata enormi sacrifici ed e’ per questo che non puo’ essere intesa come un ‘liberi tutti'”. Cosi’ il premier Giuseppe Conte in un’intervista a La Stampa in cui chiede di evitare “gesti di disattenzione o, peggio, un’opera di rimozione collettiva. Il virus continua a circolare tra noi, siamo ancora in piena pandemia”. E assicura: “Sono fortemente convinto che un sistema come il nostro non abbia affatto bisogno di investiture messianiche, ne’ di uomini investiti di pieni poteri”. Sulle accuse di Renzi e l’abuso dei Dpcm: “Sono fortemente convinto che un sistema come il nostro non abbia affatto bisogno di investiture messianiche, ne’ di uomini investiti di pieni poteri. Dobbiamo essere orgogliosi di avere rispettato l’equilibrio tra poteri costituzionali”. E quanto all’equilibrio delle responsabilita’ tra politica e scienza, Conte fa presente che “non abbiamo mai pensato di delegare alla scienza la responsabilita’ di governo”. Mentre “le divergenze di vedute” con le Regioni “sono fisiologiche.

Quanto all’impugnazione delle ordinanze territoriali, la riserviamo solo ai casi di estrema necessita’”. Elogia il lavoro del commissario Arcuri, poi dice: “Al momento le Regioni hanno in deposito 47 milioni di mascherine. Da lunedi’ saremo in grado di distribuirne 12 milioni al giorno, da giugno 18 milioni, da agosto 24 milioni”. Il fronte economico con il nuovo decreto – osserva – “sta richiedendo un grande impegno; stiamo predisponendo il rinnovo automatico della cassa integrazione e del bonus da 600 euro, che renderemo piu’ consistente. Offriremo un bonus anche agli stagionali del turismo e degli stabilimenti balneari, ai collaboratori sportivi, ai lavoratori in somministrazione, a colf e badanti. Interverremo per le altre fasce sociali prive di reddito, riproporremo il congedo straordinario, il voucher baby-sitting ai genitori che lavorano”.

Il premier e’ “consapevole” dei ritardi dei prestiti alle imprese, ed e’ “per questo che nel nuovo decreto economico” verra’ adottato “un meccanismo ancora piu’ accelerato”, mentre per il “decreto Liquidita’ nei prossimi giorni sollecitero’ personalmente i vertici delle banche: chiedero’ loro un preciso resoconto delle pratiche trattate e dei finanziamenti erogati. C’e’ la garanzia dello Stato: questi ritardi non ce li possiamo permettere”. Inoltre esclude “una patrimoniale”. Secondo il premier l’ombra di un governo di larghe intese a guida Draghi e’ “un costante chiacchiericcio, sullo sfondo, che fa parte del gioco politico italiano. Non mi distrae. Stiamo lavorando bene con Italia Viva. La maggioranza e’ solida. Io ho sempre dato priorita’ alla forza e alla ragionevolezza delle proposte, al di la’ di chi le sostiene, al di la’ se e’ rappresentativo del 2 o del 25% del Paese”. (ANSA)