Coronavirus, flash mob fotografi a Palermo: ”Aiutateci”

“La politica ha pensato a tutti, ma ha dimenticato la nostra categoria che da anni testimonia con le immagini i momenti piu’ gioiosi dei siciliani”. Lo dice all’ANSA Carmelo Ferrara, tra i piu’ anziani fotografi palermitani, che oggi ha organizzato un flash mob, assieme a un gruppo di colleghi, in piazza Ruggero Settimo, davanti al teatro Politeama. Una manifestazione spontanea e silenziosa, senza forme di assembramento, di una quindicina di professionisti, la maggior parte dei quali si occupa da anni di cerimonie ed eventi. “A causa dell’emergenza coronavirus, tante attivita’ rischiano di fallire in tempi stretti e altre stanno chiudendo – aggiunge Ferrara – il ‘lockdown’ ha azzerato le risorse economiche di molti titolari di partita iva, parecchi non riapriranno piu’ i loro negozi. Un intero settore che lavora sui matrimoni e’ sul lastrico e penso a wedding planner, operatori video, fioristi, musicisti, negozi di bomboniere, noleggio auto, negozi di abiti da sposa, catering e strutture che lavorano quasi esclusivamente in questo settore.Se si continuano a rispettare le regole del distanziamento sociale e dovranno essere indossati guanti e mascherine, come si concilia cio’ con l’idea del matrimonio, festa per eccellenza, o di altre cerimonie?”. I fotografi chiedono finanziamenti a fondo perduto, sulla base della perdita di fatturato rispetto all’anno precedente, la sospensione per un anno di ogni tipo di tassazione, misure a sostegno degli affitti, condono delle ultime mensilita’, sospensione delle bollette, prolungamento del bonus di 800 euro sino a dicembre 2020. “Aiutateci a non chiudere definitivamente le nostre attivita’ – e’ l’appello di Giancarlo Cianciolo -. Non sara’ la data del 18 maggio a cambiare la situazione dei fotografi matrimonialisti perche’ qualsiasi forma di assembramento e scambio fisico saranno azzerati con tutti gli eventi religiosi, e non, che prevedono la presenza di fotografi e operatori video per immortale il ricordo”. (ANSA)