Coronavirus: in Sicilia tanti guariti senza saperlo, sorprese dai test sierologici

I test sierologici svelano in Sicilia una prima mappatura della popolazione venuta a contatto con il Coronavirus. I primi risultati sorprendono: sono emerse decine di contagi sconosciuti e in tanti risultano guariti senza neanche sapere di avere contratto il virus. Lo riporta il Giornale di Sicilia oggi in edicola. Il numero più alto – si legge sul Gds – si riscontra ad Agira, ex zona rossa, dove – su circa 500 persone sottoposte ai test, privatamente o perché incluse nello screening dell’Asp di Enna e in quello condotto a livello nazionale, ben 112 sono risultate in possesso degli anticorpi al coronavirus e fra questi in 45 si erano sottoposti ai test in laboratori privati. A Troina, altra ex zona rossa, su circa 900 persone sottoposte ai test, solo 26 sono risultate con gli anticorpi al Covid. I dati insomma sembrano confemare come a Troina, con una popolazione di 9.310 abitanti, l’epidemia si sia sviluppata solo all’interno del grande focolaio dell’Oasi Maria SS, mentre ad Agira, 8108 abitanti, l’epidemia ha colpito la popolazione in maniera più massiccia.