Sicilia, Musumeci all’Ars espone relazione metà legislatura

Il presidente della Regione Nello Musumeci ha esposto all’Ars la sua relazione di meta’ legislatura. Un intervento, preceduto da un pensiero dedicato “ai 281 morti per Coronavirus in Sicilia ed alle loro famiglie”, che ha toccato quelli che per il governatore sono i principali risultati raggiunti dal suo governo insediato a novembre del 2017. “Una delle prime iniziative e’ stata l’apertura di un confronto con il governo nazionale sul rapporto finanziaria fra Stato e Regione – ha detto Musumeci parlando a Sala d’Ercole – che ha portato fra l’altro a spalmare il disavanzo in trent’anni e non in tre”. Il presidente ha citato poi diversi obiettivi raggiunti, fra i quali l’avere dato “attenzione al patrimonio immobiliare, individuando 150 beni da dismettere”.

“Abbiamo creato un piano di investimenti per Comuni ed ex-Province, attivando un proficuo confronto con l’Anci – ha aggiunto – abbiamo istituito l’Ufficio di coordinamento per le isole minori, abbiamo recepito le disposizioni contenute nella legge Madia stabilizzando 7.746 precari degli enti locali, abbiamo impresso un’accelerazione alle misure di sostegno agli investimenti nel settore agricolo, con particolare attenzione ai giovani imprenditori e siamo arrivati ad essere la prima regione in Italia per numero di aziende biologiche”. Musumeci ha poi ricordato la recente istituzione da parte del Ministero per il Sud delle Zone Economiche Speciali. “Sono state garantite misure di sostegno ai lavoratori delle aree di crisi di Termini Imerese e di Gela – ha aggiunto – abbiamo stanziato 525 milioni di euro per eseguire 1.576 interventi per la messa in sicurezza delle scuole, abbiamo sostenuto il rafforzamento fra scuola ed universita’ e fra mondo dell’istruzione e mondo del lavoro. Abbiamo fatto ripartire gli scavi archeologici, abbiamo contribuito al restauro di 40 chiese e 10 palazzi storici. Abbiamo varato il piano di contrasto alla siccita’ ed un piano per la manutenzione e pulizia di circa 80 fiumi e corsi d’acqua”. Musumeci ha poi parlato delle iniziative a sostegno del turismo, dello sport e dello spettacolo, settori particolarmente colpiti dagli effetti dell’emergenza Coronavirus. Alla relazione letta in aula dal governatore non hanno assistito i deputati del Movimento 5 Stelle, che hanno lasciato Sala d’Ercole quando Musumeci ha preso la parola.

Nella relazione c’e’ stato spazio anche per un elenco di interventi per i porti siciliani e per le infrastrutture avviato dal governo regionale. Musumeci ha poi ricordato l’assunzione di circa 7.500 operatori della sanita’ siciliana, ed ha assicurato l’impegno per la stabilizzazione di circa 250 precari storici della sanita’, confermando che il suo governo sta valutando la possibilita’ di realizzare un ospedale a Lampedusa, isola definita “avamposto ‘d’Europa”. Il governatore ha concluso ringraziando il personale sanitario, i volontari, le forze armate, le forze dell’ordine, la protezione civile e tutta la comunita’ siciliana che “mai come in occasione dell’emergenza Coronavirus ha saputo essere ossequiosa delle regole a difesa della propria salute e di quella degli altri”. Ricordando le norme Covid19 contenute nella finanziaria regionale, il governatore ha infine ringraziato i suoi assessori ed il parlamento regionale. La seduta si e’ conclusa, il dibattito d’aula sull’intervento di Musumeci si terra’ martedi’. (ANSA)