Rifiuti, primo sì a 87 progetti per la differenziata in Sicilia

Primo si’ a 87 progetti per potenziare la raccolta diferenziata dei comuni in Sicilia. Diffusi i risultati dell’avviso pubblico del Dipartimento Acqua e Rifiuti per la concessione di agevolazioni in favore di Comuni,anche nelle forme associative regolarmente costituite, per la realizzazione o l’ampliamento di Centri Comunali di Raccolta grazie ai fondi del Po fesr Sicilia 2014/2020 per un importo di 21,4 milioni di euro. L’elenco delle istanze ritenute ammissibili e’ disponibile sul sito di Euroinfosicilia. Sono 87 i progetti da valutare per la realizzazione di nuovi centri di raccolta dei rifiuti o per ampliare quelli gia’ esistenti. Altrettanti i Comuni coinvolti: 22 in provincia di Palermo, 18 in provincia di Messina, 13 in provincia di Agrigento, 12 in provincia di Catania, 6 in provincia di Enna, 6 in provincia di Caltanissetta, 4 in provincia di Trapani, 3 in provincia di Ragusa, 3 in provincia di Siracusa. Adesso una Commissione di valutazione, gia’ nominata, dovra’ stilare la graduatoria sulla base dei criteri previsti dal bando. La Commissione e’ presieduta dall’ingegnere Gerlando Ginex, dirigente del Servizio 3, e dai funzionari Mauro Scimonelli, Antonino Maria Lentini, Rosalia Filippone, Rosaria La Pica, Sergio Cardile e Giuseppe Pellegrino. I Ccr – Centri di Raccolta Comunali- dovranno rispettare le norme a tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e non dovranno creare rischi per aria, suolo, acqua, fauna e flora, oltre a non creare rumori e odori. Dovranno anche essere previste adeguata viabilita’, pavimentazione impermeabilizzata, recinzione e barriere.(ANSA)