Migranti, Musumeci a Lampedusa: ”Roma dia risposte immediate”

Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, si e’ recato stamane a Lampedusa dopo la raffica di sbarchi delle ultime ore, tra ieri e oggi. “Decine di sbarchi in poche ore – afferma – centinaia di migranti: una condizione assolutamente insostenibile sull’isola. Il consiglio comunale e il governo della regione hanno chiesto a Roma la proclamazione dello stato d’emergenza. Ci sono problemi sanitari, sociali ed economici e abbiamo bisogno di risposte immediate. Lampedusa non puo’ diventare una terra di frontiera”. Finora, ha aggiunto Musumeci, “e’ stata la Regione a colmare le lacune dello Stato, in un lembo di terra che soffre tantissimo una grave crisi economica e sociale, cui si aggiunge una seria preoccupazione sul piano sanitario. A lungo termine lavoriamo per la realizzazione di una struttura ospedaliera, ma il fenomeno degli sbarchi deve essere al centro dell’Agenzia nazionale, per evitare che passi l’idea che Lampedusa e la Sicilia siano un campo profughi, ma soprattutto perche’ i controlli non rispettano le regole vigenti”. Ieri sera, ha denunciato il presidente della Regione, “sono partite centinaia di migranti senza essere stati sottoposti a tamponi o ai test. Abbiamo chiesto al governo nazionale di dichiarare lo stato d’emergenza e Roma fa finta di non sentire, ma se Conte non da’ risposte immediate, saremo noi a ricordare a Roma quali sono i veri problemi e soprattutto le vocazione di Lampedusa e la Sicilia. Il dramma dei migranti non puo’ pesare solo su questa terra. Cinismo nazionale e cinismo europeo… questo e’ un dramma di cui non puo’ farsi carico soltanto la Sicilia”. (AGI)