Cattolica Eraclea, appello del segretario Pd su referendum per riduzione parlamentari: ”Votiamo no”

Riceviamo e pubblichiamo appello al voto per il referendum costituzionale confermativo che si svolgerà il 20 e 21 settembre del segretario del Partito democratico di Cattolica Eraclea Alessandro Miliziano il quale fa sapere che “anche il Pd di Cattolica Eraclea si riunirà per prendere una posizione, dopo il ‘liberi tutti’ del nazionale”.

“Non facciamoci ingannare, votiamo No. Non per un partito, ma per la democrazia e per la libertà. La democrazia non ha un prezzo! Ecco perché ho scelto, assieme a tanti amici, di votare No”al referendum Costituzionale per la riduzione del numero dei parlamentari. Vi prego di leggerlo fino in fondo.

-È una riforma inutile; Un taglio aritmetico, senza nessuna logica solamente voluta da un Partito, il M5S, in caduta libera e che vuole far credere di non avere perso la sua strada.

– Una riforma non accompagnata da nessun atto normativo sul funzionamento del nuovo Parlamento e sulla modalità di Elezione.

-Rappresentanza dei territori ridotta al minimo. Con questo taglio territori estesi, cittadini, Comuni, non avranno alcun rappresentante in Parlamento. Nessuno a cui chiedere di difendere il proprio territorio, nessuno che porti nei tavoli opportuni la voce del popolo.

-Costi della Politica. Se si volesse ridurre i costi del Parlamento basterebbe tagliare, con legge ordinaria, lo stipendio dei Parlamentari. Non il numero e la rappresentanza, linfa per la democrazia. Se si volesse ridurre i costi della politica che si vadano a tagliare i mega stipendi, che si tagli il CNEL, che si taglino i mega direttori nominati. Il risparmio se vincesse il SI, è uguale allo 0,0007 % della spesa pubblica. Per intenderci, un caffè all’anno per ogni cittadino.

-Miglior funzionamento del Parlamento. Un assemblea, come qualsiasi gruppo nella realtà, lavora in base alla QUALITÀ dei propri membri e non al numero. Se vincesse il si e ci fosse ancora questa legge elettorale, il teatrino politico che c’è stato in questi giorni, ci sarà ancora.

-Ultimo, ma non per importanza; Rischio di una vera e propria Oligarchia.  Questo taglio permettera ai potenti di concentrarsi, di avere maggior peso, di contare di più e di fare quello che si vuole. Perché si sa che il potere è radicato e che ha un potere elettorale forte e quello andrà a formare questo nuovo Parlamento. Le  mafie, gli affaristi, i corrotti potrebbero prendere il sopravvento.  Non facciamoci ingannare, Votiamo No. Non per un Partito, ma per la democrazia e per la libertà. La democrazia non ha prezzo!”