Migrante investito e ucciso a Siculiana, Fsp Polizia: politica incapace

“Un morto e tre feriti gravi dopo la fuga da un centro d’accoglienza nell’Agrigentino. Purtroppo ci aspettavamo che la tragedia arrivasse, nel generale clima di disordini gravi, caos e improvvisazione che hanno caratterizzato questi mesi in tema di gestione dell’immigrazione con tanto di emergenza sanitaria in corso. Questi sono i frutti avvelenati di un sistema di finta accoglienza, in cui si mette in campo una politica che non si e’ in grado di sostenere, ma si abbandona tutto semplicemente e superficialmente sulle spalle degli operatori della sicurezza”. Lo afferma Valter Mazzetti, segretario generale della Federazione Fsp Polizia di Stato, dopo che un migrante in fuga dal centro d’accoglienza Villa Sikania di Siculiana (Ag) e’ stato investito da un’auto ed e’ morto. “Le conseguenze nefaste – spiega Mazzetti – sono sempre troppe per chi indossa la divisa, senza contare che i servizi hanno ormai superato il limite del sopportabile. Mentre rivolgiamo tutta la nostra solidarieta’ ai colleghi feriti, e un pensiero commosso per la morte di un giovane uomo, vogliamo evidenziare come il problema e’ che si rischia l’assuefazione a uno stato di cose che non puo’ continuare, ma che invece va avanti da troppo tempo a fronte di vuoti proclami di una politica che non sta mettendo in campo risposte concrete, ma purtroppo, nei fatti, si dimostra sempre piu’ incapace e menefreghista”. (ANSA)

Attenzione, questo video contiene immagini forti.