Migranti, Silp Cgil: centro Siculiana inadeguato, va chiuso

“Da tempo denunciamo l’inadeguatezza del centro di accoglienza di Siculiana e, per questo, ne chiediamo la chiusura: quella di ieri e’ una morte annunciata di un ragazzo, che verosimilmente non era un soggetto, pericoloso in un incidente in cui sono rimasti gravemente feriti e hanno rischiato di perdere la vita tre poliziotti “. Lo scrive in una nota il Silp Cgil siciliano. “Il centro Sikania – afferma Vito Alagna, segretario del sindacato – e’ una struttura alberghiera il cui accesso si affaccia direttamente sulla Strada Statale 115, un tratto rettilineo totalmente al buio in ore notturne e non adeguato per essere destinato all’attuale uso, ovvero un centro Hub che oggi, in piena era Covid, pur mantenendo le sue funzioni di raccolta per il transito verso le ricollocazioni, e’ anche un centro di isolamento e osservazione sanitaria”. Alagna sottolinea che “nel centro, come in tutti gli altri analoghi sparsi per la Sicilia, le donne e gli uomini delle forze dell’ordine sono costretti a operare in condizioni di estrema precarieta’ senza regole di ingaggio certe e senza alcuna tutela dal punto di viste di sicurezza dei luoghi di lavoro. Nel caso in specie – aggiunge – tutte le rappresentanze sindacali della categoria della provincia di Agrigento, hanno manifestato e denunciato piu’ volte la mancanza di un’area dove operare in sicurezza in siffatti eventi, un luogo cioe’ dove gestire criticita’ interne a questi luoghi senza interessare e/o mettere in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica, ovvero la gente, le comunita’ locali che ospitano queste realta’”. Il Silp sollecita dunque “un’assunzione di responsabilita’”. Alagna e il Silp esprimono “pieno sostegno e solidarieta’ agli operatori di polizia di questi eroi delle Questure e dei Reparti Mobili provenienti da tutta l’italia, che volontariamente corrono in aiuto delle donne ed uomini della Questura di Agrigento, sfiancati nel fisico e nel morale da una situazione che da soli non possono sostenere”. (ANSA)

Attenzione, questo video contiene immagini forti.