Terrorismo, Viminale: espulso tunisino sbarcato a Lampedusa, “pericoloso” per 007

Il cittadino tunisino E.M., segnalato dal comparto intelligence come “soggetto pericoloso”, e’ stato allontanato dal territorio nazionale, in esecuzione del respingimento disposto dal questore di Palermo. A renderlo noto e’ il Viminale. Rimpatriato con volo charter diretto in Tunisia, E.M. era stato controllato il 18 ottobre scorso dalla Digos di Agrigento in occasione dello sbarco avvenuto, insieme ad altri 16 connazionali, a Lampedusa. Nella circostanza e’ risultato destinatario di un provvedimento di inammissibilita’ in territorio Schengen inserito dalla Francia e di un precedente respingimento del 2017. E’ nipote del tunisino H.I., arrestato in Francia nel 2016 perche’ sospettato di essere a capo di una cellula terroristica che stava progettando un attentato in quel Paese per conto del Daesh. Secondo le informazioni di intelligence i due tunisini avrebbero soggiornato in Italia dal 2008 al 2015. (AGI)