Realmonte, sindaco dopo sopralluogo con Arpa: “Impianto Wind Tre Spa è a norma”

“L’impianto di telefonia mobile Wind Tre Spa è a norma, i valori sono molto al di sotto della soglia consentita. E’ questo il parere espresso dai  tecnici dell’Arpa Sicilia che ieri mattina hanno effettuato i controlli dovuti, per verificare l’impatto ambientale provocato dall’antenna ubicata in via Aldo Moro di contrada Scavuzzo. Ulteriori verifiche sono state effettuate negli altri impianti presenti sul tutto il territorio comunale e all’istituto comprensivo Garibaldi di Realmonte”. E’ quanto si legge in una nota dell’amministrazione comunale della città della Scala dei Turchi guidata dal sindaco Sabrina Lattuca. “Sono molto soddisfatta – ha dichiarato ieri il primo cittadino – dell’esito dei controlli. Confermo che una delle mie priorità, oggi ed in futuro, sarà il rispetto dell’ambiente e della salute pubblica. Solo così – ha sottolineato sindaco – potremo costruire un domani  in linea con le bellezze paesaggistiche del nostro territorio”.

La vicenda è iniziata più di un anno fa con la richiesta dell’installazione di un impianto di telefonia mobile Wind Tre Spa in sistema Gsm-Dcs-Umts-Lte, presentata il 6 febbraio 2019, per la quale già il precedente sindaco Lillo Zicari si era impegnato a far “effettuare tutti i controlli opportuni e verificare la regolarità dell’istallazione”. Il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, a seguito di un attento esame della pratica, comunicò che l’Arpa  aveva espresso  due pareri: il primo positivo ed il secondo di conferma e che, con riguardo agli adempimenti dell’Utc, risulta “tutto regolare”. Tuttavia, a seguito di una richiesta  di ulteriori controlli da parte di un privato presentata lo scorso 13 ottobre, l’ufficio tecnico comunale, lo scorso 19 ottobre, ha effettuato una richiesta urgente indirizzata all’Arpa Sicilia finalizzata a verificare quanto rappresentato dal privato. Nell’attesa degli esiti dei controlli dell’Arpa, il nuovo sindaco Lattuca aveva “ribadito l’impegno, per quanto di competenza, a rimuovere qualsivoglia situazione che contrasti con la tutela della salute pubblica, paesaggistica ed ambientale”. Ieri mattina si è svolto il nuovo sopralluogo concluso con il parere positivo da parte dei tecnici dell’Arpa Sicilia.