Tangenti nella sanità siciliana, in tre patteggiano

Sulle tangenti nella sanita’ siciliana, per tre indagati i pm hanno prestato il consenso al patteggiamento, altri sei hanno scelto il rito abbreviato mentre solo uno sara’ giudicato in ordinario. Il giudice per l’udienza preliminare Antonella Consiglio aveva accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dai sostituti Giovanni Antoci e Giacomo Brandini, secondo cui “le prove sono evidenti”. Ha chiesto di patteggiare 4 anni e 2 mesi Salvatore Manganaro, considerato il referente di Fabio Damiani per gli appalti. Manganaro dovra’ restituire oltre un milione di euro che sarebbero le tangenti che avrebbe incassato assieme Damiani. Patteggiamento alla pena di 4 anni e mezzo di carcere anche per Ivan Turola, referente occulto della societa’ Fer.Co, e a 5 anni Roberto Satta, responsabile operativo della Tecnologie Sanitarie. Hanno scelto il processo in abbreviato Damiani, manager dell’Asp di Trapani ed ex responsabile della Centrale unica di committenza che gestiva le gare di appalto a livello regionale; Antonio Candela, allora coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 ed ex manager dell’Asp di Palermo; Giuseppe Taibbi, imprenditore legato a Candela: Francesco Zanzi, amministratore delegato della Tecnologie Sanitarie spa; Angelo Montisanti, responsabile operativo per la Sicilia di Siram e amministratore delegato di Sei Energia scarl; Salvatore Navarra, presidente del consiglio di amministrazione di Pfe spa. Sara’ processato con il rito ordinario Crescenzo De Stasio, direttore unita’ business centro sud di Siram srl. L’inchiesta avrebbe svelato un giro di mazzette per pilotare quattro gare di appalto: oltre 600 milioni di euro in forniture e servizi. (ANSA)