15 Giugno 2024
Agrigento e Provincia

Maria Grazia Brandara candidata alla presidenza della provincia? Molto gradita nel sondaggio online

BRANDARA INTANTO LEI VOLA A ROMA. E’ Maria Grazia Brandara dell’Udc, sindaco di Naro, l’esponente politico più votato, al momento, nel sondaggio online sul candidato ideale alla Presidenza della Provincia attivato su www.agrigentoweb.it. E lei, deputato uscente dell’Assemblea Regionale Siciliana, a guidare la Provincia, probabilmente, ci starà pensando davvero.

“Svolgo con molta passione il primo mandato da sindaco, mi ritengo soddisfatta del lavoro fin qui svolto e determinata a continuare il mio impegno al servizio della comunità”, dice lei sorvolando sulla candidatura alla presidenza agrigentina. Intanto Maria Grazia Brandara vola a Roma, in occasione dell’apertura delle camere, per sollecitare ai parlamentari agrigentini una la legge speciale per Naro gravemente “ferita” dagli eventi franosi del 4 febbraio 2005.

brandara e ruvolo a montecitorio La Brandara, accompagnata a Montecitorio dal deputato riberese dell’Udc, Giuseppe Ruvolo, chiederà inoltre al neo presidente della Camera, Gianfranco Fini, di confermare l’iniziativa della Mostra Permanente dell’abito antico di Naro a Palazzo Montecitorio, già programmata con l’ex presidente Fausto Bertinotti. “Con la Mostra Permanente dell’abito antico – ha spiegato il sindaco – puntiamo a valorizzare la cultura e le tradizioni locali, oltre che ad ampliare la gamma dell’offerta turistica. L’esposizione alla Camera è certamente una vetrina importante per la città di Naro e per la provincia di Agrigento”.

 

abito antico La mostra è stata allestita grazie al collezionista Milco Melchiorre Dalacchi che ha concesso in comodato al Comune di Naro 18 abiti d’epoca (di cui 16 femminili e due maschili), una divisa militare della I guerra mondiale e 33 accessori, tra borsette, scarpette, mantelle, ventagli, matineé e guanti. A Roma il sindaco di Naro ha incontrato anche alcune associazioni culturali nell’ambito delle iniziative del “sodalizio” tra i Comuni nel nome del culto di San Calogero, il santo nero più venerato nell’Agrigentino.

 

 

 

 

go