Costi della politica, ad Agrigento al via campagna ‘Addio carta’

Ridurre gli sprechi e risparmiare fino al 50% delle risorse destinate alle spese postali e d’ufficio. Continua la campagna di riduzione del debito e contenimento della spesa del Comune di Agrigento che, dopo i tagli per mezzo milione di euro alle indennità di sindaco, assessori e consiglieri, avvia l’operazione “Addio Carta”, per abbattere i costi di gestione e velocizzare l’iter amministrativo.

È l’ennesima iniziativa anti-crisi messa a punto dal sindaco Marco Zambuto, che dispone a partire dal 1 gennaio del 2012 apposite indicazioni per far risparmiare alle casse comunali circa 50 mila euro in ordine alle spese postali e di notifica.

Secondo le disposizioni, non potranno essere utilizzati, per la corrispondenza interna ed esterna, mezzi diversi da quelli a disposizione, quali la posta elettronica, la messaggistica certificata e la posta elettronica certificata. Al di fuori dei casi strettamente necessari, l’utilizzo di forme di comunicazione diverse da quelle elettroniche, configura una fattispecie di inosservanza di legge e di uso improprio del denaro pubblico.

A partire dal 1° gennaio 2012 la corrispondenza interna dovrà essere trasmessa esclusivamente  tramite della posta elettronica o posta elettronica certificata.

L’uso della posta elettronica dovrà riguardare anche la posta esterna, mentre l’uso della tradizionale missiva cartacea sarà ammesso soltanto nel caso non sia possibile avere certezza dell’indirizzo di posta elettronica del destinatario.


Funzionari e impiegati comunali dovranno acquisire gli indirizzi di posta elettronica di uffici pubblici e richiedere agli utenti, al momento di presentazione di istanze, l’indicazione dell’indirizzo di posta elettronica per le comunicazioni conseguenti.

“Dopo i tagli alle indennità di sindaco, assessori e consiglieri – afferma il sindaco Marco Zambuto –  avviamo una nuova fase di contenimento delle spese amministrative. Favorire il passaggio dall’uso della tradizionale notificazione cartacea alla posta elettronica certificata non solo ci permette di risparmiare fino al  50% delle risorse destinate alle spese postali ma, soprattutto, ci consente di dare un forte impulso alla velocizzazione dell’iter amministrativo e di migliorare i servizi per i cittadini e gli utenti”.

Zambuto annuncia anche il nuovo sistema informatico in grado di fornire al cittadino, ai professionisti e alle istituzioni che hanno necessità di conoscere i dati che riguardano il territorio agrigentino, uno strumento rapido, efficace e trasparente per accedere in tempo reale a tutte le informazioni relative al Piano Regolatore Generale.

È un sistema innovativo che consente a chiunque, con un semplice computer collegato ad internet, di accedere liberamente alle informazioni che riguardano l’assetto urbanistico, i vincoli idrogeologici, i vincoli ambientali attinenti le singole particelle catastali.

“Anche da casa – spiega Zambuto – i cittadini possono ricercare facilmente la loro proprietà fornendo soltanto le informazioni d’accesso relative al numero di foglio e numero di particella. Possono quindi stamparsi il certificato di destinazione urbanistica con tutte le informazioni correlate. Si tratta di un servizio che aiuta i cittadini perché abbatte le distanze e riduce i tempi burocratici e amministrativi”.