Pescatore Lampedusa, impedito trasbordo: “Ne avremmo potuti salvare altri”

“Avevamo la barca con decine di migranti, ci siamo avvicinati a un gommone della Guardia costiera chiedendo di trasbordarli sul loro natante per cercare di salvarne altri. Ci hanno risposto: “Dobbiamo rispettare il protocollo”. Lo dice Marcello Nizza, che ieri all’alba sul peschereccio adattato per gite turistiche Gamar è giunto per primo nell’area del naufragio a Lampedusa e salvato 47 persone. “Se ne avessero preso a bordo un po’ – aggiunge – ne avremmo potuto salvarne altre”. (Ansa)