Reddito di cittadinanza e Quota 100, l’economista Cazzola: ”Il principio è che lavorare stanca”

“Il vero motivo ispiratore di questi due interventi nasce, paradossalmente, da una visione negativa del lavoro (‘lavorare stanca’) secondo la quale a chi è occupato stabilmente occorre concedere la possibilità di ‘liberarsi’ il prima possibile mentre a chi è inoccupato o disoccupato lo Stato deve assicurare la possibilità di vivere, lui e la sua famiglia, anche senza lavorare, in attesa di ben tre proposte di lavoro, a differente distanza nel territorio, nell’arco di un arco temporale definito”. Così, a proposito delle pensioni Quota 100 e del Reddito di cittadinanza, l’economista Giuliano Cazzola in una memoria presentata in commissione Lavoro al Senato dove prosegue l’esame del “decretone”.

Requisiti per accedere al Reddito di cittadinanza: Essere cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa; ISEE inferiore a 9.360 euro annui; Patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30.000 euro annui; Patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro che può arrivare fino a 20.000 per le famiglie con persone disabili. 255.000 nuclei familiari con disabili riceveranno il reddito di cittadinanza. Alcuni esempi: Una famiglia composta da 2 adulti e 2 figli minorenni avrà fino a 1.180 euro al mese di RdC:fino a 900 euro mensili come integrazione al reddito più 280 euro di contributo per l’affitto (oppure 150 euro di contributo per il mutuo); Una persona che vive da sola avrà fino a 780 al mese di RdC: fino a 500 euro come integrazione al reddito più 280 euro di contributo per l’affitto (oppure 150 euro di contributo per il mutuo);Una famiglia composta da 2 adulti, 1 figlio maggiorenne e 1 figlio minorenne avrà fino a 1.280 euro al mese di RdC:fino a 1.000 euro mensili come integrazione al reddito più 280 euro al mese di contributo per l’affitto (oppure 150 euro di contributo per il mutuo); Una famiglia composta da 2 adulti, 1 figlio maggiorenne e 2 figli minorenni avrà fino a 1.330 euro al mese di RdC: fino a 1.050 euro come integrazione al reddito più 280 euro di contributo per l’affitto (oppure 150 euro di contributo per il mutuo).

Requisiti per accedere a Quota 100: si può andare in pensione con almeno 62 anni di età e un’anzianità contributiva minima di 38 anni. Il diritto conseguito entro il 31 dicembre 2021 può’ essere esercitato anche successivamente. Il requisito di eta’ anagrafica e’ successivamente adeguato agli incrementi alla speranza di vita. Con Opzione donna: pensioni anticipate secondo le regole di calcolo del sistema contributivo per le lavoratrici con un’età pari o superiore a 58 anni e le lavoratrici autonome con almeno 59 anni, che abbiano maturato un’anzianità contributiva di almeno 35 anni. Il requisito di età anagrafica non è adeguato agli incrementi alla speranza di vita.