Bivona, Cutrò: ”Da oggi sono senza protezione dello Stato, via anche la videosorveglianza a casa mia”

“Oggi sono stato convocato dai Carabinieri di Bivona. Mi è stato notificato un documento con il quale venivo messo al corrente che la misura di protezione consistente nella tutela di 4° livello – della quale per mia scelta non usufruivo dal 9 aprile 2017 – è stata revocata. È stata predisposta una scadenza per la vigilanza generica, cioè il passaggio dei carabinieri sotto casa mia, fissata per il 30 settembre 2019. Inoltre le telecamere installate attorno a casa mia, monitorate fino ad ora dai carabinieri, verranno rimosse”. Lo scrive in una nota stampa il testimone di giustizia Ignazio Cutrò.

“Già il 9 aprile 2017 – racconta Cutrò – avevo deciso di non salire più su un’autovettura dello Stato per la mia protezione. Questo perché proprio in quella data hanno lasciato da soli i miei familiari, togliendo loro la protezione. Così ho deciso di fare da esca alla mafia, salvaguardando i miei familiari. Sono uscito allo scoperto, con un cerchio rosso sulla schiena, ma se la mafia vuole colpirmi deve prendere me e non la mia famiglia.  Hanno revocato le Misure Speciali di Protezione per Testimoni di Giustizia poiché – fortunatamente – negli ultimi mesi non ci sono state  minacce. Ma secondo voi la mafia dimentica? O aspettava proprio questo, come preannunciato nelle intercettazioni venute fuori dall’operazione  Montagna? Sì, perché, pur comprendendo come possa sembrare assurdo tutto ciò, appena pochi mesi fa alcuni indagati per reati di mafia, nel  corso di una discussione intercettata dai carabinieri tramite microspie, immaginavano proprio il momento in cui mi avrebbero tolto la scorta.  Dicendo ‘vedrai appena a questo gli tolgono la scorta…’. Eppure, come una storia degna di terra pirandelliana, mi viene tolta la protezione.Comunque sia: in culo alla mafia. Sempre”.