”Aethusa”, mostra fotografica di Claudio Palmisano a Roma dal 9 marzo: ”Omaggio al Mediterraneo”

Lo Stadio di Domiziano, nell’ambito del Festival di Fotografia di Roma, presenta “Aethusa”, un progetto fotografico di Claudio Palmisano. “Aethusa” costituisce un’omaggio al mar Mediterraneo attraverso un allestimento di stampe fotografiche di grandissimo formato (6metrix2) in una location sotterranea illuminata in modo scenografico evocando il mare. Un viaggio tra tempeste sottomarine e visioni di ricomposizione dei fondali più oscuri, altrimenti percepibili solo in letteratura celebra il lavoro di ricerca che l’autore conduce da dieci anni con l’esplorazione fotografica dei suggestivi fondali del Mare Nostrum. Le Atlantidi si animano di presenze mitologiche. Balene, ctenophore, tonni e delfini, presenze vive che accompagnano questo viaggio carico di rasserenante inquietudine.
Claudio Palmisano è un professionista della post produzione fotografica, specializzato in fotogiornalismo e innamorato del mare. Da oltre dieci anni si dedica con passione alla realizzazione di panorami subacquei di grande formato, concentrando la ricerca sulla migrazione delle balenottere nelle acque del Mar Mediterraneo e realizzando ambiziosi reportage fotografici subacquei in collaborazione con la Guardia Costiera Italiana. Il suo lavoro sul ciclo della vita sottomarina di Lampedusa è stato recentemente pubblicato da National Geographic Italia Magazine.
Ha scritto la prefazione italiana al volume “Raw and postproduction” per la collana “Master di Fotografia” di National Geographic.
Il suo laboratorio vanta come clienti i principali outlet giornalistici internazionali (TIME, National Geographic, New York Times) e alcuni tra i professionisti più importanti del firmamento fotografico mondiale. Conduce un’ intensa attività di consulenza che alterna a quella didattica, sia in Italia che all’estero.