Sicilia, Cgil: stabilizzazione precari obiettivo storico

“Un obiettivo storico, di grande rilevanza sociale” Lo dicono il segretario generale della Fp Cgil Sicilia, Gaetano Agliozzo, e il coordinatore regionale, Franco Campagna, dopo l’annuncio della firma del presidente della Regione, Nello Musumeci, con cui si mette fine al precariato di 313 lavoratori impegnati nell’amministrazione regionale. “E’ il giusto e meritato riconoscimento -aggiungono- all’impegno e ai sacrifici di questi dipendenti, i quali, nel corso degli anni, hanno sempre prestato, con grande senso di responsabilita’, la loro attivita’ e le loro mansioni nell’interesse della pubblica amministrazione e quindi al servizio della collettivita’. E oggi vedono coronata questa legittima aspettativa”. “Per noi, che da tempo ci battiamo e adoperiamo affinche’ questo processo potesse concretizzarsi, rappresenta un grande successo ed e’ motivo di orgoglio. Ora mettiamoci subito al Tavolo e al lavoro – evidenziano Agliozzo e Campagna – per tagliare altri due significativi traguardi: quello per la stabilizzazione degli altri 282 precari, i cosiddetti ‘comma 2″, e quello per la stabilizzazione dei lavoratori in servizio negli enti in dissesto”. “Ci auguriamo che anche rispetto a questi due percorsi – concludono Agliozzo e Campana – l’assessore regionale alla Funzione Pubblica Bernadette Grasso, riesca ad imprimere, con il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali, la stessa positiva svolta”. (ANSA)