Sport, il siciliano Rizzo nuovo campione del mondo di biliardo (VIDEO)

Il siciliano Ciro Davide Rizzo, di Bagheria, è il nuovo campione del mondo di biliardo. E’ stato incoronato al termine di una finale che ha fatto tremare gli spalti del Palacarrara di Pistoia:4-1 il risultato del match contro Santi Caratozzolo, un incontro che non è mancato in colpi spettacolari degni del più bel biliardo visto in questo Mondiale. Terzi Paolo Marcolin e Paolo Spadaro.Standing ovation per tutti e quattro gli azzurri che ancora una volta hanno mostrato al mondo la “grandeur” del biliardo italiano.

“Il successo iridato del siciliano – si legge sul sito della Fibis – è una vera e propria favola dalle forti emozioni, ha saputo sbaragliare la concorrenza spietata di tutti gli altri giocatori, arrivando fino alla fase finale dove ha letteralmente ribaltato ogni tipo di pronostico, chiudendo al primo posto del girone. Un percorso da sogno che lo ha visto emergere nella fase ad a gironi contro avversari come Fioravante Vecchione, Walter Ingenieri e Gustavo Longo. Il capolavoro vero però, Ciro Davide Rizzo lo ha riservato negli scontri ad eliminazione diretta, nei sedicesimi di finale vince contro l’argentino Carlos Coria, negli ottavi contro Rocco Summa e nei quarti contro l’argentino Gustavo Torregiani.

La favola di Ciro Davide ha iniziato ad essere reale prima in semifinale e poi in finale, dove ad attenderlo c’erano prima Paolo Marcolin e infine Santi Caratozzolo. Una sfida che verrà ricordata a lungo nella storia dei Mondiali sia per il livello di gioco espresso e sia perché di fronte si sono ritrovati due outsider. Il nome di Rizzo viene quindi impresso nella storia di questo sport, così come il suo sorriso e la sua  reale commozione. I suoi occhi sul gradino più alto del podio sono un inno ai veri valori di questa disciplina. Nel suo sguardo è racchiusa infatti tutta la gioia di un atleta semplice che si trova sul tetto del Mondo.Al secondo posto si piazza uno straordinario Santi Cartozzolo, autore di un torneo quasi perfetto. A completare il podio Paolo Marcolin e Paolo Spadaro”.