Piersanti Mattarella ricordato all’Ars, Fava: ”Ci ha lasciato in eredità rigore civile forza morale”

“Ricordare Piersanti Mattarella vuol dire soprattutto ripercorrere l’eredita’ che ci ha lasciato: il rigore civile, la forza morale, la generosita’ del suo ottimismo. E mi piace, qui ed oggi, citare un’altra sua qualita’, una risorsa umana di cui spesso la politica e’ orfana: la capacita’ di saper dire dei no”. Lo ha detto il presidente della commissione regionale antimafia, Claudio Fava nel corso del suo intervento in occasione della seduta solenne del parlamento siciliano in occasione del 40esimo anniversario dell’uccisione di Piersanti Mattarella alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella. “Piersanti Mattarella, da Presidente di questa regione, quei no li disse”, ricorda Fava, “e forse ne pago’ il prezzo con la vita. Sono trascorsi 40 anni eppure la limpidezza della sua scelta, la forza di quei no, la coerenza con cui interpreto’ il ruolo di presidente della Regione Siciliana ci arrivano intatti”. “Questo e’ un tempo difficile”, ha detto, “oggi qui evochiamo la volenza omicida delle mafie ma dobbiamo farci carico anche di una violenza culturale prepotente: il tentativo di riabilitare fascismo, razzismo, antisemitismo, di trasformarli in una cifra indelebile, un livido sulla coscienza di questo paese. In questo senso le sue parole, signor Presidente, sono state sempre un monito chiaro, netto, prezioso per tutti noi”. (ITALPRESS)