Mafia, vedova Schifani: ”Mio fratello arrestato, per me morto ieri”

“E’ come se fosse morto ieri purtroppo”. Cosi’ Rosaria Costa, la vedova dell’agente Vito Schifani, morto nella strage di Capaci, parla su Repubblica.it dell’arresto di suo fratello nell’ambito di un’inchiesta su un clan di Palermo. “Sono devastata”, afferma la donna che ai funerali del marito pronuncio’ la frase divenuta simbolo della ribellione alla mafia: “io vi perdono, ma voi dovete inginocchiarvi”. “Mi hanno voluto colpire al cuore per quelle parole che ho detto. La mafia non mi fermera’, continuero’ il mio impegno”, dice oggi. “Sono a pezzi”, le parole di Rosaria Costa in una conversazione riportata dal Corriere della Sera, che definisce il fratello “un cretino” con il quale ha “rapporti rarissimi, saranno passati due anni” dall’ultima volta. “Se le accuse saranno provate, dovranno buttare le chiavi della cella – aggiunge – La legge e’ uguale per tutti. Mi dissocio da tutti, da mio fratello e da questi mafiosi che avvelenano il mondo. Mi telefonano tanti adesso, dicendo che mi sono vicini. Ma non sono vicina io a quest’uomo che il destino mi ha assegnato come una croce, adesso sono pronta a ripudiarlo”. (ANSA)