Denunciò Capodicasa per una villa abusiva ad Eraclea Minoa, assolto Arnone

L’avvocato Giuseppe Arnone, ex presidente di Legambiente in Sicilia, e’ stato assolto dal Gup di Agrigento al processo per calunnia scaturito da una denuncia dell’ex presidente della Regione siciliana, ex viceministro ed ex parlamentare nazionale del Pd, Angelo Capodicasa. Il politico si era rivolto ai magistrati dopo che Arnone l’aveva denunciato per abusivismo edilizio. “Il perito nominato dal Gup Luisa Turco – spiega il legale di Arnone, Daniela Principato – ha confermato che la villa di Capodicasa, in zona archeologica, nei pressi del teatro greco di Eraclea Minoa, e’ stata realizzata con volumi del tutto abusivi e costruita difformemente dalle regole urbanistiche ed edilizie”. La difesa di Arnone ha gia’ chiesto al Gup di trasmettere gli atti della perizia alla Sovrintendenza “che dovra’ revocare il nulla osta – aggiunge Principato – e disporre la demolizione”. La vicenda risale 2013, quando Arnone denuncio’ Capodicasa, il quale ha sempre sostenuto che la villa era in regola. “La Procura archivio’ la denuncia di Arnone, incredibilmente sulla base di una semplice relazione di un funzionario dell’Ufficio tecnico di Cattolica Eracela che aveva rilasciato la concessione – e mando’ a processo Arnone per calunnia nei confronti di Capodicasa – conclude Principato – I trattamenti riservati dalla Procura di Agrigento a Capodicasa sono anche al centro di un procedimento penale (il numero 92 del 2017) a carico di magistrati, che pende a Caltanissetta avanti allo stesso Gip che recentemente ha disposto, sempre su mia richiesta, l’imputazione coatta del procuratore Aggiunto Salvatore Vella”. (ANSA)