VIDEO | Servizi sanitari ad Alessandria della Rocca, incontro al Comune con presidente commissione Salute Ars

“A fronte di un territorio che ha molti problemi di isolamento e di spopolamento c’è l’esigenza di garantire una più alta qualità della vita migliorando e potenziando i servizi sanitari, abbiamo sollecitato la necessità di assicurare un’assistenza ai nostri anziani che rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione”.  Lo ha detto ieri il sindaco di Alessandria della Rocca, Giovanna Bubello, a margine di un incontro con la presidente della commissione Salute dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo. Alla riunione, che si è svolta ieri mattina nel palazzo comunale, hanno partecipato anche assessori e consiglieri comunali, il responsabile dell’unità operativa di Medicina Specialistica Interna del Distretto sanitario di Bivona Luigi Mulè e il governatore della Misericordia alessandrina Gianni Settecasi.

“Abbiamo quindi chiesto – ha aggiunto il primo cittadino – di lavorare per poter aprire delle strutture diurne, che possono essere anche delle residenze assistite o di lungodegenza, in modo tale che tutti gli anziani soli, che hanno i figli emigrati al nord Italia o all’estero e che si trovano a vivere con grande difficoltà la vecchiaia, possano avere un sostegno e dei punti di riferimento per migliorare la qualità della vita che viene garantita soprattutto dai servizi sanitari. Abbiamo chiesto anche – ha proseguito il sindaco Bubello – un potenziamento delle attività ambulatoriali e delle visite specialistiche nel nostro poliambulatorio e di garantire nella programmazione regionale degli interventi per questo territorio che è marginale ma che necessita di un’assistenza maggiore proprio perché le problematiche degli anziani sono tante e dunque garantire il diritto alla salute a questa popolazione è fondamentale”.  La presidente della sesta commissione dell’Assemblea regionale siciliana, condividendo le preoccupazioni espresse durante l’incontro, ha assicurato che si farà “portavoce, presso il governo regionale, delle richieste provenienti dai rappresentanti istituzionali e dagli operatori sanitari del territorio”.