Percepiva reddito di cittadinanza e lavorava in nero, donna di Siculiana rischia processo per truffa

La Procura della Repubblica di Agrigento ha notificato l’avviso di chiusura indagini nei confronti di una donna originaria di Siculiana per l’ipotesi di reato di truffa. La donna –  come riporta grandangoloagrigento.it – è accusata di aver percepito il reddito di cittadinanza nonostante lavorasse in nero in una struttura di assistenza della provincia. A denunciare il fatto sarebbe stato l’ex marito che, evidentemente non lasciatosi in ottimi rapporti con la coniuge, segnalò la vicenda. Da qui le indagini, adesso chiuse, con relativa denuncia per truffa. La donna è assistita dall’avvocato Monica Malogioglio.