Coronavirus, ambulante al sindaco di Canicattì: ”Non ho soldi per vivere”

Un venditore ambulante di Canicatti’ (Ag) ha protestato davanti al palazzo comunale costringendo il sindaco Ettore Di Ventura e la giunta ad ascoltarlo; presenti polizia, carabinieri e polizia locale che avevano temuto il peggio: l’uomo padre di tre figli ha spiegato che la banca gli ha chiesto di onorare un assegno di 600 euro dato a un fornitore ma non avendo guadagnato nulla in queste settimane non potra’ farlo. E ha raccontato che “il crollo degli affari non mi sta consentendo di pagare le bollette ne’ di mantenere i miei figli agli studi”. Una situazione comune a molti in citta’ e che va sempre piu’ aumentando in maniera esponenziale senza risparmiare nessuno: commercianti, agricoltori, libero professionisti. Il sindaco ha spiegato che “l’ente non e’ in condizioni di assistere la gente anche se ha gia’ deliberato la sospensione di tutti i pagamenti dei tributi comunali”. (ANSA)