Coronavirus, controlli nell’Agrigentino per Pasqua e Pasquetta: il piano della polizia

In vista delle prossime ricorrenze pasquali, tradizionalmente caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico sull’intera rete viaria, già a partire da ieri, venerdì 10 aprile e per tutto il periodo pasquale, secondo quanto concordato in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento tenutasi in video-conferenza e presieduta dal Vice Prefetto Vicario, sono stati predisposti dal Questore di Agrigento, con il concorso di tutte le Forze di Polizia, mirati servizi di vigilanza e controllo. Detti servizi sono articolati attraverso l’istituzione di presidi fissi lungo i principali snodi viari di accesso alle località di richiamo turistico, integrati da equipaggi automontati e motomontati che dinamicamente controllano il territorio provinciale.

In particolare quest’anno, nell’attuale contesto emergenziale, detti servizi sono finalizzati ad assicurare l’osservanza delle vigenti limitazioni riguardanti gli spostamenti ingiustificati e non necessari all’interno dello stesso comune e tra località diverse. Infatti le preannunciate favorevoli condizioni meteo potrebbero indurre la cittadinanza a raggiungere le case utilizzate per le vacanze o i luoghi generalmente frequentati per la tradizionale gita fuori porta del lunedì di Pasquetta, che, come noto, sono tassativamente vietati dalla normativa, tuttora in corso di validità, volta a contenere la diffusione del contagio del virus Covid-19.

Al riguardo, si rammenta che gli spostamenti consentiti sono solo quelli motivati da comprovate esigenze di lavoro, situazioni di necessità o motivi di salute. Ai controlli concorre anche un velivolo del IV Reparto Volo della Polizia di Stato di Palermo che, fin dalla giornata di giovedì, sorvola il territorio agrigentino, segnalando alle pattuglie presenti su strada le direttrici viarie con maggiore concentrazione di autovetture, per i necessari accertamenti. Si invitano, pertanto, tutti i cittadini a restare a casa, contribuendo al contenimento dei rischi di contagio.