Coronavirus, ambulanti: 60mila aziende a rischio, -10 mld fino a luglio

“La chiusura della quasi totalita’ delle attivita’ di commercio su aree pubbliche in conseguenza dell’emergenza coronavirus – 176mila imprese con circa 400mila tra titolari, dipendenti e collaboratori su un totale di 183mila – comportera’ per il settore, se non si riapre entro luglio, una perdita di oltre 10 miliardi di euro con il rischio che un terzo delle sue imprese chiuda definitivamente”. E’ l’allarme sul “tracollo” per gli ambulanti lanciato da Fiva-Confcommercio, che stimano circa 60mila imprese a rischio chiusura.

“Abbiamo diligentemente seguito le disposizioni del Governo, delle istituzioni locali e delle autorita’ sanitarie e scientifiche – dichiara il Presidente di Fiva-Confcommercio Giacomo Errico – ma ora siamo esasperati. Non siamo invisibili e vogliamo tornare a lavorare, ma le amministrazioni locali devono salvaguardare al massimo le attivita’ degli operatori su aree pubbliche. Abbiamo urgenza e necessita’ che vengano azzerati i tributi per l’occupazione di suolo pubblico e per la tassa sui rifiuti. E’ un paradosso: siamo chiusi e paghiamo le tasse”. “La politica e il governo ci ascoltino – conclude Errico – non ci servono indennita’ una tantum ma chiediamo provvedimenti concreti, di immediata attuazione e senza burocrazia, per il sostegno creditizio e per l’ottenimento di liquidita’, anche in parte a fondo perduto. E soprattutto regole certe per riaprire e quindi si faccia chiarezza nel caos dei codici Ateco perche’ e’ davvero incomprensibile che tra le attivita’ consentite di commercio al dettaglio non sia contemplato il comparto di vendita su aree pubbliche”. (ANSA)