Turismo, Giuffrida (Federterme Sicilia): ”Le aziende termali rischiano di scomparire”

“Il termalismo sta vivendo una situazione di grande difficoltà insieme al tutto il settore del turismo, il Dl in corso di emanazione è un provvedimento che non esprime ancora una strategia per riavviare un comparto sostanzialmente paralizzato”. Lo ha dichiarato il presidente di Federterme/Confindustria Massimo Caputi.
“In questi mesi di lockdown – ha aggiunto abbiamo continuato a lavorare e a parlare con le Istituzioni nella speranza di essere ascoltati. Ho inviato una lettera al Presidente della Regione Siciliana Musumeci perché anche le aziende termali siciliane versano in condizioni critiche chiedendo di sospendere per tutto il 2021 i canoni demaniali che gravano sulle concessioni termali così come attuato, con l’approvazione della Legge Finanziaria 2020, per quelli a carico degli stabilimenti balneari. Per le imprese del settore rappresenterebbe un primo valido aiuto per tentare di riprendere a camminare. Se muore il turismo, muore anche l’Italia”.
“Bisogna adottare misure urgenti – ha detto Belicenews Francesco Paolo Giuffrida delegato Sicilia Federterme e proprietario delle Terme Acqua Pia – per far fronte alle gravi difficoltà, la crisi economica dovuta al coronavirus sta causando ingenti perdite e la richiesta che arriva da Caputi va nella giusta direzione. Mi auguro che il presidente Musumeci voglia prenderla in esame e dargli il giusto seguito. Per noi sarebbe importante”.