Turismo esperienziale, al via il progetto Agritour ad Alessandria della Rocca

Al via il progetto Agritour tra i Monti Sicani: un gruppo di giovani e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanna Bubello scommettono sul turismo esperienziale. “Nel Distretto Rurale di Qualità Sicani, ad Alessandria della Rocca, cittadina con poco più di 2.500 abitanti, si può dire che nei campi scorra il sangue di un’intera comunità. Tutte le famiglie hanno a che fare con una qualche produzione del territorio: grano, olio, vino, origano, mandorle, pesche, agrumi. Ma la sorpresa è un’altra: un centinaio di giovani, da venti anni in su, raccontano con grande passione il loro amore per l’agricoltura. Ed abbiamo pensato che non poteva che iniziare da loro il racconto di questo centro collinare”. Così spiega il progetto l’assessore comunale al Turismo Veronica Mistretta. “Insieme all’entusiasmo giovanile – aggiunge – un gruppo di ragazzi ha deciso di cominciare il progetto Agritour sotto la guida di Pierfilippo Spoto, esperto di turismo esperienziale che da più di venti anni opera nella parte della Sicilia arcaica, accompagnando i turisti a scoprire i piccoli borghi e l’entroterra montano”.

Una delle esperienze che saranno proposte durante l’estate ai turisti che sceglieranno Alessandria della Rocca per le loro vacanze è la raccolta del pomodoro Pizzutello. “Per gli ospiti – spiega Pierfilippo Spoto, guida esperienziale e fondatore di Val di Kam – è un’esperienza magica, da raccontare e ricordare, ma per i locali è ancor più divertente, quello che li rende felici è aver potuto raccontare e mostrare agli ospiti un qualcosa relativo alle nostre tradizioni in modo semplice e conviviale. Questo è per me il senso del turismo esperienziale”.

Diverse le iniziative che sta promuovendo l’amministrazione comunale alessandrina per rilanciare il turismo, è ancora aperto il bando per la realizzazione dell’albergo diffuso. “La volontà di promuovere la realizzazione dell’ospitalità diffusa – si legge nell’avviso pubblico – è una priorità per la valorizzazione turistica del centro abitato e si concretizza nella disponibilità di strutture ricettive dislocate tra le strade del centro abitato. Per realizzare tale obiettivo è necessario il concorso di tutti i cittadini proprietari delle unità immobiliari. Per maggiori informazioni è possibile contattare l’architetto Giuseppe Adamo, consulente per lo sviluppo turistico, al numero 3475963469”.