Ambiente: isole Eolie dichiarate Hope spot di Mission Blue

Le isole Eolie sono state dichiarate Hope Spot di Mission Blue, riconoscendo il lavoro svolto dall’Aeolian Islands Preservation Foundation (Aipf) e dai suoi partner, per aver promosso pratiche di pesca e turismo sostenibili, attivita’ di ricerca scientifica su numerose specie in via di estinzione, iniziative di conservazione marina e riduzione dei rifiuti e programmi educativi per preservare l’area marina. Sylvia Earle, fondatrice di Mission Blue e autrice dell’omonimo documentario del 2014, sottolinea “il lavoro svolto dall’Aeolian Islands Preservation Foundation e dai suoi partner per per proteggere questo arcipelago coinvolgendo la comunita’, con l’obiettivo di sensibilizzare sull’importanza di convivere con la natura. Questo e’ il momento di agire”. Per Ambra Messina, direttrice esecutiva dell’Aeolian Islands Preservation Foundation e Hope Spot Champion, “La salute degli ecosistemi delle Isole Eolie e’ vitale per il mantenimento degli equilibri della natura ma anche per la sopravvivenza delle attivita’ locali che dipendono dalla bellezza di queste isole. E’ molto importante per noi coinvolgere attivamente la comunita’ e le organizzazioni locali, per prenderci cura insieme di questo immenso patrimonio naturalistico”. L’arcipelago delle Eolie e il suo mare ospitano una notevole varieta’ di biodiversita’. Le scogliere costiere ospitano cernie, aragoste e polpi. Ad abbracciare le coste rocciose delle isole ci sono praterie di posidonia oceanica che forniscono importanti habitat per i pesci giovanili. Sotto la superficie cristallina, grotte sommerse e montagne sottomarine offrono rifugio a grandi pesci pelagici come ricciole, tonno rosso, barracuda e caponi. Le profondita’ ospitano gorgonie e rari coralli. I visitatori che si avventurano piu’ lontano dalla costa, possono avvistare capodogli, delfini e tartarughe marine che attraversano le isole per la migrazione e l’accoppiamento. (ANSA)